giovedì 31 dicembre 2015

December Favorites/I preferiti di Dicembre (random edition)

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Oggi parliamo di nuovo di preferiti del mese, ma tutto ciò che non attiene la sfera cosmetica.
Partendo da un film, che ho finalmente recuperato su SkyCinema durante i giorni di festa:
Waltz ed Adams strepitosi, storia intrigante (anche perchè vera): questo film è l'ennesimo capolavoro di Tim Burton, e nel caso ve lo foste perso correte ai ripari!
Affascinante la storia di questa pittrice di talento che lotta per vedere riconosciuto il suo talento ed affrancarsi da un marito diventato ingombrante ed opprimente, e splendidi i quadri che conoscevo già e che ho amato veder portati sullo schermo.

La lettura del mese... Difficile, difficilissimo!
A Dicembre ho letto molto, ma dovendo scegliere dico "November 9" di Colleen Hoover (di cui caricherò la recensione nei prossimi giorni, è già pronta) a pari merito con "Urla nel silenzio" di Angela Marsons, di cui trovate qui la recensione in anteprima.
Sono due romanzi completamente diversi, ma li ho amati entrambi.

Questa volta ho anche un'app, ovvero il gioco gratuito "Polish Blast":
Scopo del gioco è eliminare via via le boccette di smalto (esatto: smaltiiiiii) colorate, superando determinati punteggi o altre task impostate. Mi ero arenata al livello 60, ma ora sono al 136esimo.
Di nuovo bloccata perchè è diventato quasi impossibile XD

Come ogni anno, ho scaricato il workbook gratuito di Susannah Conway "Unravelling The Year Ahead", e ho passato tre sere a riempirlo:
E' un pdf scaricabile gratuitamente qui che vi aiuta ad analizzare l'anno in chiusura: cos'è andato bene e perchè, cosa male e perchè. Cosa cambiereste, cosa no. Vi aiuta a scegliere una parola che sia il vostro leitmotiv del 2016, e a fissare dei veri obbiettivi.
Mi è piacuto farlo alla fine del 2014, ed è stato bello farlo anche quest'anno.

Non posso non nominare la giornata passata in Newton Compton insieme ad altre blogger, giusto?
E' stata un'esperienza bellissima, che mi ha permesso di chiacchierare con tantissime lettrici scatenate e di scoprire in anteprima UN SACCO di novità previste per il 2016.
Tenetevi forte e preparate i portafogli, dico solo questo!

Menzione d'onore al pandoro, pienamente protagonista del mese di Dicembre (non amo particolarmente il panettone, troppi canditi), e al tè alla menta che ho buttato giù come se non ci fosse un domani, soprattutto durante la settimana critica in preda al raffreddore e al mal di gola.

E con questo è tutto, fanciulle (e fanciulli): finisce Dicembre ma soprattutto finisce il 2015, e quindi colgo l'occasione per augurarvi uno strepitoso 2016!
A presto <3

December Favorites/I preferiti di Dicembre (beauty edition)

Buon pomeriggio a tutte, fanciulle!
Siamo alla fine di Dicembre, ed è il momento di scoprire quali siano stati i preferiti del mese.
Stavolta solo il mix di prodotti per corpo e capelli che mi hanno accompagnato in queste settimane:
Il gel rimodellante Uplifted+ di Dove è una new entry di Novembre ma ho iniziato a usarlo solo questo mese. Mi piace moltissimo l'applicatore massaggiante, e ne apprezzo la rapidità di asciugatura perchè sono una persona priva di pazienza e tendenzialmente pigra: se una crema ci mette una vita ad asciugare finisco per non usarla più dopo le prime tre/quattro volte.

Dicembre è stato anche il mese delle mani secche, secchissime, che più secche non si può.
Ma ci ha pensato questa crema mani di TNS Cosmetics, con Avocado e Karité a porre rimedio, e alla grande. Incredibilmente nutriente ma assolutamente NON unta, ed anzi l'apprezzo proprio come crema da tenere in borsa, perchè posso applicarla ovunque sicura che si assorba in fretta senza lasciarmi le mani unte e appiccicose.

A Natale si vuole splendere, giusto?
Ora, io non lo so, ma i miei capelli splendevano di sicuro, e grazie a "Crystal Spray Gas" di Creattiva Professional, che ho potuto provare questo mese e che apprezzo davvero TANTO.
Ve ne ho parlato qui, mostrandovi il risultato una volta spruzzato.

E poi come non parlare di questo balsamo, che è il mio preferito dell'intero anno?
Fa parte della linea "Haidresser's Invisible Oil" di Bumble&Bumble, costa uno sproposito (36€ per 200ml) ma è forse il balsamo migliore che io abbia usato in tutta la mia vita.
Questi 200ml mi sono bastati per mesi, e l'ho amato al punto da tagliare il flacone senza pietà e recuperare ogni minuscola gocciolotta di balsamo rimasta.

E il make-up? E gli smalti?
Ci sono, ma sono sostanzialmente gli stessi di cui vi ho parlato qui, nei preferiti del 2015.
Soprattutto quella palette di ombetti firmata Clarins che è quella che mi ha accompagnata per tutto il periodo festivo (sono dipendente da quell'ombretto oro chiaro super luccicante).

Detto questo, a Dicembre ho iniziato ad usare alcune cose nuove di cui piano piano vi proporrò le recensioni approfondite, quindi restate sintonizzate ;)

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

Anteprima: "Twilight + Life and Death (Twilight Reimagined)" di Stephenie Meyer

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata all'anteprima di "Life and Death (Twilight Reimagined)" di Stephenie Meyer, edito da LainYA (brossurato a 15€), in uscita il 14 Gennaio:
Nello Stato di Washington c’è la cittadina più piovosa d’America. La conoscono bene Edward Cullen e Bella Swan, i protagonisti di Twilight. Lei, dolce ragazza qualunque; lui, giovane misterioso con un segreto inconfessabile. La loro storia d’amore ha conquistato i cuori di tutti. 
Ma cosa succederebbe se i ruoli si ribaltassero? Se non fosse lui la creatura straordinaria, l’eroe meraviglioso dotato di capacità sovrumane ma… lei? Beaufort è un ragazzo alto e dinoccolato trasferitosi dall’Arizona. Quando incontra la bellissima Edythe, non sa che la fortissima attrazione che prova per lei potrebbe essere la sua rovina…
Spettacolare riscrittura di Twilight, Life and Death riapre le porte del piccolo mondo di Forks. Ricalcando il palcoscenico della storia d’amore più amata degli ultimi anni e ardenti di quella stessa passione che ha stregato milioni di fan in tutto il mondo, Beaufort e Edythe conquisteranno il lettore con il calore rassicurante di un’atmosfera conosciuta e la sorpresa di un finale completamente nuovo.

Il volume è doppio, ed include anche il primo libro della serie di Stephenie Meyer nella sua versione che tutti conosciamo. Volete riscoprire la storia d'amore di Edward è Bella?
E' il momento giusto:
Bella si è appena trasferita a Forks, la città più piovosa d’America. È il primo giorno nella nuova scuola e, quando incontra Edward Cullen, la sua vita prende una piega inaspettata e pericolosa. Con la pelle diafana, i capelli di bronzo, i denti luccicanti, gli occhi color oro, Edward è algido e impenetrabile, talmente bello da sembrare irreale. Tra i due nasce un’amicizia dapprima sospettosa, poi più intima, che presto si trasforma in un’attrazione travolgente.
Finora Edward è riuscito a tenere nascosto il suo segreto, ma Bella è intenzionata a scoprirlo. Quello che ancora non sa è che più gli si avvicina maggiori sono i rischi per lei e per chi le sta accanto…
Mentre nella vicina riserva indiana riprendono a circolare inquietanti leggende, un dubbio si fa strada nella mente di Bella. Il sogno romantico che sta vivendo potrebbe essere in realtà l’incubo che popola le sue notti.
Profondamente seducente e intriso di una suspense straordinaria, Twilight è diventato un classico moderno, ridefinendo i generi all’interno della letteratura young adult e dando vita a un vero e proprio fenomeno di culto.

Questa speciale doppia edizione per il decimo anniversario di Twilight include una prefazione dell’autrice sia per il romanzo originale sia per la sua riscrittura, e non può mancare nella vostra collezione!
Ve ne proporrò a breve la recensione, perchè va da sè che voglio assolutamente leggerlo ;)

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

mercoledì 30 dicembre 2015

NOTD: Essie "Virgin Snow"

Buon pomeriggio a tutte, fanciulle!
Quelle che vi mostro oggi sono le unghie della settimana, e visto che prima di Natale il rosso ha regnato sovrano stavolta è un lilla:
"Virgin Snow" faceva parte della collezione invernale 2015 di Essie, e avendo ricevuto a Natale il mini-set con tre delle sei tonalità ho voluto provarlo subito.
E' coprente in due passate leggere, ma con tre è davvero perfetto.
Forse è un colore più primaverile che invernale, ma dopo l'overdose di rosso e oro di Dicembre apprezzo il cambiamento, e la trovo una tonalità molto delicata.

Vi mostro presto gli altri due smalti del set, perchè la collezione è ancora in giro e quindi se vi dovessero piacere queste tonalità sareste ancora in tempo per prenderle.

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

"Urla nel silenzio" di Angela Marsons

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Urla nel silenzio" di Angela Marsons, edito Newton Compton (rilegato a 12€), in uscita il 4 Gennaio:
Cinque persone si trovano intorno a una fossa. A turno, ognuna di loro è costretta a scavare per dare sepoltura a un cadavere.
Ma si tratta di una buca piccola: il corpo non è quello di un adulto. Una vita innocente è stata sacrificata per siglare un oscuro patto di sangue. E il segreto che lega i presenti è destinato a essere sepolto sotto terra. Anni dopo, la direttrice di una scuola viene brutalmente assassinata: è solo il primo di una serie di agghiaccianti delitti che terrorizzano la regione della Black Country, in Inghilterra. Il compito di seguire e fermare questa orribile scia di sangue viene affidato alla detective Kim Stone. Quando però nel corso delle indagini tornano alla luce anche i resti di un altro corpo sepolto molto tempo prima, Kim capisce che le radici del male vanno cercate nel passato e che per fermare il killer una volta per tutte dovrà confrontarsi con i propri demoni personali, che ha tenuto rinchiusi troppo a lungo…

Ben ritrovati!
E' stata una lunga pausa, lo so, ma non esito ad ammettere che ne avevo bisogno.
Mi sono riposata (tanto), ho mangiato (anche troppo) e soprattutto ho avuto modo di leggere (molto).
Oggi è un vero piacere parlarvi in anteprima di questo SPLENDIDO romanzo, un thriller che mi ha tenuta davvero sul bordo della sedia dalla tensione e di cui ho apprezzato tutto: protagonisti, antagonisti, trama, forma. Tutto.

E proprio dalla forma vorrei partire stavolta, perchè c'è poco da dire se non COMPLIMENTI. Angela Marson ha scritto un thriller in cui diverse voci narrati, flashbacks e dialoghi funzionano tutti alla perfezione. Non si è persa in inutili descrizioni e non ha esagerato nemmeno nel proporre troppi colpi di scena solo per aggiungere sensazionalismo alla storia. Non è un thriller psicologico, nel senso che il punto non è tanto un viaggio angosciante nelle personalità dei personaggi quanto il caso da risolvere. E' un thriller tradizionale, con il caso da risolvere al centro e tanti momenti di tensione. Non cambierei una virgola, e quindi ci tengo a dire fin dall'inizio che se avete voglia di leggere un thriller scritto bene, questo fa davvero al caso vostro.

Ma un altro motivo per cui dovreste assolutamente leggerlo è la protagonista, la detective Kim Stone.
Kim Stone rappresenta il tipo di donna che io stimo da morire: determinata, diretta, senza peli sulla lingua e che, soprattutto, vede i suoi difetti ma se li fa andare bene perchè sa che quello che conta sono le sue capacità.
Non è una persona solare? Pazienza, è una persona realista e questo le serve di più.
Non è portata al contatto umano? Non importa, è comunque in grado di capire di cosa abbiano bisogno le persone attorno a lei.
Non è generosa? Forse all'apparenza risulta egoista, ma sa essere generosa quando e dove serve sul serio, anche sacrificando qualcosa di grande valore affettivo.
E' un capo insopportabile, ma è anche una dei detective migliori e lavorare con (e per) lei è un'opportunità unica.
Mi è piaciuta da matti fin da subito, e più diventava insopportabile più l'apprezzavo.
Gli spezzoni sulla sua storia personale mi hanno stretto il cuore, rendendola un peronaggio dalle mille e una sfaccettature, di cui vorrei assolutamente leggere le avventure seguenti.
Il caso che Kim Stone deve riuscire a chiudere è apparentemente contorto: una serie di omicidi inspiegabili da un lato, e il ritrovamento a più riprese di cadaveri di bambini sepolti molti anni prima dall'altro. Perchè le due cose siano collegate, e in che modo, è ciò che Kim deve riuscire a scoprire, e Angela Marsons in questo non si è risparmiata: corse in moto, brutali uccisioni al limite dello splatter, struggenti flashbacks, individui dalla duplice o triplice faccia.
Il tutto per un totale di 384 pagine che si leggono tutte d'un fiato, perchè non si riesce proprio a metterlo giù prima di sapere se Kim troverà il colpevole, se sarà QUEL personaggio, o magari QUELL'ALTRO. Io avevo due teorie, e una delle due si è rivelata corretta a metà: ho indovinato alcune cose, ma altre mi hanno stupita e di sicuro è stata una lettura molto stimolante.

Sono davvero grata a Newton Compton per la possibilità di leggere una copia ARC di questo romanzo, e ad Angela Marsons per aver creato una protagonista come Kim Stone.
Posso dire fin da ora che leggerò i successivi volumi della serie, già disponibili in lingua e spero poi anche in italiano (*occhiolino a Newton Compton*).

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

giovedì 24 dicembre 2015

Make-Up 2015 Round-Up

Buon pomeriggio a tutte, fanciulle!
Oggi vi propongo, come ultimo post dell'anno, quelli che sono stati i miei cosmetici preferiti nell'arco dell'intero 2015.
Una selezione ristretta di quello che per me è stato il meglio del meglio:
Mancano alcuni prodotti (fondotinta, mascara, eyeliner...) perchè di fatto nel 2015 non ne ho "scoperti" di nuovi e strabilianti. Ne ho provati molti, nessuno da 10 e Lode.
Ma andiamo con ordine.
Questa palette di ombretti "The Essentials" di Clarins è arrivata in autunno ma mi ha letteralmente rubato il cuore: da quando ce l'ho, ogni volta che mi sono truccata ho usato lei. Ci sono quattro colori che adoro, ma almeno uan volta li ho provati tutti. Promossa, e molto probabilmente sarà la mia palette di fiducia ancora per un bel po'.
Menzione d'onore a quest'ombretto mono di Rimmel London, nella tonalità "All about the base", che ho usato davvero tantissimo.
La palette da contouring "Chisel Cheeks" di BarryM era uno dei miei nuovi prodotti dell'autunno, e mi è piaciuta davvero tanto: devo mixare i due colori più scuri per ottenere quella che è la tonalità perfetta per me, ma l'adoro. Modulabile, compatta, sfumabile e con un illuminante molto delicato perfetto anche di giorno.
Il baked blush di Milani nella tonalità "Berry Amore" invece risale a Marzo, ma è in assoluto il mio blush preferito dell'intero anno.
Su di me è molto naturale, e ne adoro l'aspetto quasi marmorizzato.
Era il mio secondo blush del marchio, e credo proprio che nel 2016 se ne aggiungeranno altri.
Per gli smalti è stato davvero difficile sceglierne solo tre, ma rappresentano rispettivamente lo scorso inverno ("Licorice" di Essie), l'estate ("Haute in the Heat" di Essie) e la grande scoperta dell'autunno, la linea Gel Effect Expert di Astra Cosmetics. Questo in particolare è il numero 16, ma devo averne una decina e li amo tutti.
Non ho potuto evitare di inserire la mia base preferita, scoperta quest'anno, ed è la base di FormulaX.
Purtroppo ne ho già usata metà!
Per le labbra, il 2015 è stato l'anno del ROSSO, e queste sono state le due new entries più rilevanti: il rossetto Color Riche "Blake's Pure Red" di L'Oreal Paris e il lucidalabbra "Infallible Gloss" di L'oreal Paris, nella tonalità "Forgive my Sin".
Ultima, ma non meno importante, la penna nera di Essence Cosmetics per unghie e cuticole.
Questa mi ha permesso di disegnare effettivamente sulle unghie, e di sbizzarrirmi un po' di più in assenza dei vari pennelli e pennellini da nail-art che (spero!!!) potrebbe portarmi Babbo Natale.
E' un ottimo prodotto, che consiglio a tutte, e con il quale vi potreste davvero divertire.
Sarebbe bellissimo se Essence la proponesse anche in altri colori!

Questi erano i miei preferiti dell'anno, e fare una selezione è stato davvero difficile perchè quest'anno ho provato moltissimi marchi e prootti nuovi, con pochissime delusioni.
Ed ora, che abbiamo chiuso Blogmas e parlato dei preferiti truccosi (qui trovate quelli di skincare, se ve li foste persi), il blog va in vacanza.

Mi prendo questi giorni di festa per stare in famiglia e con gli amici, mangiare, guardare film, mangiare, passeggiare... L'ho detto che intendo mangiare?
Ma ripartiremo il primo di Gennaio, carichi e pieni di nuovi progetti,  quindi nel mentre vi auguro di passare un felice Natale e uno splendido Capodanno, abbracciandovi una per una da qui.

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

Blogmas Day 24: "Baby It's Cold Outside" di Jennifer Probst, Emma Chase, Kristen Proby, Melody Anne e Kate Meader

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La casellina di Blogmas di oggi è una lettura sotto l'albero, dedicata a "Baby It's Cold Outside" di Jennifer Probst, Emma Chase, Kristen Proby, Melody Anne e Kate Meader, edito da Corbaccio (brossurato a 18,60€):
In "Voglio solo te", una donna in carriera e un playboy milionario restano bloccati durante una tempesta di neve e sono costretti a una convivenza forzata: un gustoso spin off della serie "Cuori solitari" di Jennifer Probst. I protagonisti della serie "Tangled" di Emma Chase, Drew e Kate, rivisitano in chiave sexy "Canto di Natale". In "Saving Grace", l'imbranatissima Grace Douglas è sicura che non imparerà mai a sciare, finché non cade letteralmente nelle braccia di un affascinante maestro di sci, intenzionato ad andare ben oltre le lezioni convenzionali. In "Fra le sue braccia" l'insegnante californiana Natalie Duncan viene trasferita proprio sotto Natale nel Montana, un posto decisamente gelido se non fosse per il suo nuovo vicino di casa, l'avvenente e sexy Hawk Winchester. Sexy almeno quanto Beck Rivera che in "Più caldo del fuoco" di mestiere spegne i fuochi, ma sa anche come alimentarli nel cuore delle ragazze, fra cui una splendida artista dei tatuaggi. Cinque scrittrici per cinque storie romantiche, divertenti e... molto sexy: Jennifer Probst, Emma Chase, Kristen Proby, Melody Anne e Kate Meader.

Cinque novelle tra neve, Natale, camini accesi e piccanti lezioni di sci, che mi hanno accompagnata negli ultimi tre giorni.
Il tempo per leggere è stato poco (potete immaginare) e le novelle mi hanno permesso di incastrare al meglio la lettura quando possibile.
Vi dico qualcosa di ognuna, e poi quella che è stata la mia impressione generale del volume.

"Voglio solo te" di Jennifer Probst è la prima novella del volume, e le darei 3,5/5 stelline.
Questo perchè ho adorato la storia, ma non sono riuscita a farmi coinvolgere del tutto dalla parte erotica. Riley mi è stata antipatica da subito perchè l'ho trovata stupida come una zucca: da un lato abbaimo questa donna che si è fatta da soa ed è arrivata in cima, e quindi la immaginiamo come una persona incredibilmente sveglia e piena di risorse. Poi però passa il tempo a giudicare chi ha difronte in base a quello che è il suo ricordo di quella stessa persone durante l'università. Dieci anni prima.
Ora, non so se qualcuno glielo ha mai detto, ma SI CRESCE e SI CAMBIA nella vita.
Qui mi ha proprio persa, mentre invece Dylan, il "lui" della situazione, mi è piaciuto molto e sostanzialmente meritava 5 stelline da solo.

"Un desiderio per Natale" di Emma Chase mi ha conquistata dalle prime pagine, invece: mi sono completamente identificata nell'ansia e nello stress da "negozi prima di Natale" di Drew, e stavolta l'autrice è riuscita a coinvolgermi non solo raccontandomi una storia d'amore, ma anche per quanto riguarda l'atmosfera erotica del racconto.
Potrei decisamente pensare di leggere altro di Emma Chase, anche eprchè drew e Kate sono i protagonisti della sua serie "Tangled" e a questo punto è una serie che aggiungo in wishlist.
La sua rivisitazione del "Canto di Natale" mi è davvero piaciuta, e merita 4,5/5 stelline.

"Saving Grace" di Kristen Proby ci porta sulle piste da sci, con una protagonista fermamente convinta che lei e lo sci saranno per sempre due mondi a parte... Fino a quando un affascinante e sensuale istruttore di sci non le farà cambiare idea. Ho adorato che Jacob avesse un dente storto, perchè l'idea che fosse sì un bello-bellissimo, ma con un difetto, lo ha reso più umano e meno bambolotto da fantasia erotica cheap.
Mi è piaciuto molto il loro modo di trovarsi attraenti e di sbirciarsi/osservarsi/avvicinarsi, con lo splendido contorno delle montagne innevate.
Anche questa è un'autrice della uale vorrei leggere altro, e alla novella vanno 3,5-4/5 stelline.
"Fra le sue braccia" di Melody Anne mi ha conquistata subito perchè ho adorato l'dea di Eileen e Bethen che tramano nell'ombra per accoppiare gli scapoli della città. Le loro stupidaggini aprono e chiudono la novella, e mi hanno strappato una risata. La povera Natalie Duncan arriva a Sterling, Montana, proprio sotto Natale, eccitatissima per il suo primo lavoro da insegnante, e diventa suito oggetto dell'ossessione di Hawk Winchester, capo dei pompieri della cittadina e suo vicino di casa.
Ossessione che la ragazza ricambia in tutto e per tutto.
Lo stile di Melody Anne mi ha convinta, pechè è riuscita a creare qualcosa che fosse allo stesso tempo romantico, erotico e divertente: 4 stelline meritatissime.

"Piu caldo del fuoco" di Kate Meader chiude il volume, e purtroppo non con una nota positiva.
Questa è la novella che mi è paiciuta meno, perchè troppo piena di clichè (dal "ti amo ma non ti merito, quindi ti scarico" in avanti ci sono davvero tutti) che mi hanno fatto alzare gli occhi al cielo per la metà del tempo.
Peccato, perchè dal punto di vista dello stile l'autrice mi è piaciuta: è il contenuto che, almneo epr me, non funziona. Sono 3 stelline MOLTO risicate, ma in fondo è Natale.

Nel complesso il volume mi è piaciuto: mi ha divertita, mi ha emozionata, e mi ha permesso di scoprire cinque autrici per me nuove e vedere quale mi convincesse di più.
Adoro anche la copertina in bianco e nero, che trovo molto raffinata.
Promossa come lettura per questo periodo dell'anno ma non solo, e sicuramente se siete fan delle autrici in questione proprio non potete perdervelo.

Ed è così che anche quest'anno Blogmas finisce!
Mi è piaciuto molto condividere con voi le nail-art a tema, le letture natalizie, le idee regalo e la ricetta dei miei biscotti di Natale, e sappiate fin da ora che ho in mente qualcosa di molto simile per la settimana di San Valentino.
Spero vi siate divertiti, e vi auguro un felicissimo Natale ed uno stepitoso 2016, pieno di cose belle.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

mercoledì 23 dicembre 2015

"The Academy. Libro Secondo" di Amelia Drake

Buon pomeriggio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "The Academy. Libro Secondo" di Amelia Drake, edito da Rizzoli (rilegato a 15€):
Nella grande città di Danubia tutti credono che Twelve sia morta. Ma non è vero. In realtà è stata scelta per frequenrare la Diciannovesima Accademia, l'Accademia dei Ladri, dove si insegnano materie come Spionaggio, Furto con Scasso e Storia del Crimine. E dove non ci si può mai fidare di nessuno. Ma Twelve non ha paura. È pronta per la prova d'esame che aspetta lei e i suoi compagni: un percorso impossibile fra i tetti della città e i vicoli più bui, in cui dovranno rendersi invisibili per sfuggire alle guardie di Danubia ... o a un destino ancora peggiore. Twelve è decisa a imparare tutte le arti del crimine, e diventare la miglioro allieva che l'Accademia abbia mai avuto. Niente la fermerà, nemmeno la punizione a cui la costringeranno i suoi insegnanti, rinchiudendola nei sotterranei dell'Accademia, dove vive una misteriosa figura con una maschera di ferro sul viso.

Di questa serie per ragazzi tutta italiana (Amelia Drake è uno pseudonimo, all'interno del volume è indicato come autore dei testi Pierdomenico Baccalario insieme a Davide Morosinotto) avevo letto e recensito positivamente il primo volume, quindi non mi sono fatta scappare il secondo quando è uscito.

Avevamo lasciato Twelve al suo forzato ritorno in Accademia, e la ritroviamo in punizione per la sua fuga. Costretta a sopportare un periodo di Quarantena nei sotterranei della scuola, Twelve non si dà per vinta: gliela farà vedere, a tutti quanti.
Troverà il modo di curare Ninon, per ritrovare Seventy Stephen e lasciare definitivamente l'Accademia dei Ladri in cui, tra l'altro, non avrebbe mai voluto finire.

Invece, durante il periodo di prigionia, incontra una misteriosa ragazza dal viso coperto di metallo, e inizia a sospettare che si tratti della ragazza di Lupo, quella per la quale era ritorrnato indietro dopo essere riuscito a fuggire.
Sarà davvero lei? E se sì, perchè sembra prigioniera?
In questa nuova avventura di Twelve, la ragazzina sarà alle prese con la sua prima prova da "ladra", con delle partite di palla prigioniera all'ultimo sangue (con tanto di palla pietrificante, per non rendere le cose troppo facili) e con un mistero da risolvere che diventa ben presto più grande di lei.
Imparerà anche il valore della lealtà, del coraggio e dell'amicizia vera.

Confermo quanto detto per il primo volume: è la serie che a dieci, undici anni mi avrebbe resa la bimba più felice del mondo: è avvincente, movimentata, divertente.
I personaggi rappresentano tuto l'universo infantile e preadolescenziale, e ogni lettore trova ben presto quello nel quale identificarsi.
Il mio preferito è Lupo, senza ombra di dubbio, ma anche Mathias ha il suo perchè; per non parlare di Twelve che è una protagonista coi fiocchi e i controfiocchi.
Spero davvero di vedere un terzo libro, e di continuare a seguire le avventure di Twelve, Lupo, Mathias, Sputo, Karl e il resto della banda ancora per un bel po'.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

Blogmas Day 23: Christmas Nails #3 [Ornaments]

Buongiorno a tutte, fanciulle!
La casellina di Blogmas di oggi contiene un'altra idea per le vostre unghie, e stavolta vi propongo quelle che sono le mie unghie della settimana:
Ormai si sa: mi piace la base bianca!
Questo perché mi permette di giocare poi con i colori da andare a sovrapporre, e stavoltanon serve nemmeno dire il perché.
Stavolta l'ispirazione sono le palline dell'albero di Natale, e quindi sbizzarritevi: rosse, dorate, blu, rosa...
Non vi serve nulla per realizzarle se non uno striper nero, per nastrino e fiocchetto, e dei normalissimi smalti colorati, perché la pallina si realizza ruotando leggermente il pennello.
Tutto qui.

L'effetto mi piace molto, e ne ho viste tante varianti online quindi date libero sfogo alla fantasia ;)

Un bacio a  tutte, fanciulle!
A presto <3

martedì 22 dicembre 2015

Anteprima: "Lacrime in collisione" di Benedetta Cipriano

Buon pomeriggio a tutte, fanciule (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata all'anteprima di "Lacrime in collisione" di Benedetta Cipriano (ebook a 0,99€), in uscita l'11 Gennaio 2016:
Probabilmente, se vissuta insieme, la vita può fare meno paura…
Hope combatte ogni giorno contro uno stranissimo disturbo ossessivo-compulsivo, nel tentativo di mettere a tacere il dolore causato dalle delusioni passate.
Nate è un ex-marine, ora istruttore di Krav Maga, con un ricordo ingombrante che logora la sua anima di giorno in giorno. 
Eppure quando si incrociano per la prima volta, all’interno di un supermercato deserto, non possono più tornare indietro: Hope, in preda a un attacco di panico, viene soccorsa da un Nate apparso dal nulla. 
Da allora, occhi negli occhi, non riescono più a fare a meno l’uno dell’altro.
Possono due anime perdute ricominciare a lottare insieme? Forse, anche quando tutto sembra perduto, c’è sempre speranza e possibilità di scelta?

Benedetta è una persona splendida, che ricorderete dalle nostre letture condivise dei mesi scorsi, ed è stata così gentile da mandarmi il suo romanzo in anteprima.
Sarà la mia lettura di questi giorni, e non vedo l'ora di parlarvene!

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

Blogmas Day 21&22: TOP 10 Libri del 2015 (Ragazzi e YA Edition)

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La casellina di Blogmas di oggi contiene le mie dieci letture preferite dell'anno, parlando stavolta di letteratura per ragazzi e giovani adulti:
E cominciamo subito, perchè i libri di cui parlare sono tanti, e di tutti vorrei riuscire a dire qualcosa prima che stramazziate chiedendo pietà ;)
"Talon" di Julie Kagawa è stata una delle letture più belle di quest'anno, per tre motivi: Ember, Garret e Riley. I protagonisti di questo urban fantasy sono draghi, guerrieri e ribelli, e il ritmo è a dir poco trascinante. Vorrete il seguito appena voltata l'ultima pagina, e tranquilli: arriva in primavera!
"Berlin. I fuochi di Tegel" di Fabio Geda e Marco Magnone è un romanzo italiano ma dal sapore fortemente americano, con richiami a William Golding e atmosfere degne di Rick Yancey e Hugh Howey. Un'ucronia strepitosa, una storia coinvolgente e un cast di personaggi che non vedo l'ora di incontrare di nuovo in primavera nel volume successivo.
"Deathdate" di Lance Rubin è stata la scoperta di Settembre, o meglio la ri-scoperta.
Avevo letto questo romanzo in lingua originale all'uscita, ma poi l'ho ripreso in mano in occasione dell'arrivo in Italia e che dire? Mi ha conquistata di nuovo. Divertente, misterioso, buffo e inquietante: questo libro è tutto e il contrario di tutto, e se ancora non l'avete letto precipitatevi.
"The Program" di Suzanne Young è una lettura di Aprile che eprò non ho mai recensito (!) e quindi eccomi a dirvi perchè mi sia piaciuto tanto, dopo la trama ufficiale:
Sloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l'epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi... Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L'unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo.

Molto ben costruito, a volte fin troppo realistico, a volte un po' crudo, e con una protagonista in cui mi sono identificata molto.
Niente monologhi interiori lunghi tre pagine, niente drammi inutili, anzi a volte la prosa della Young è talmente essenziale da sembrare "povera": ma non lo è, è soltanto priva di fronzoli e inutili sovraccarichi di aggettivi dove non servono.
Lascia che sia la storia narrata a fare da protagonista, e il risultato è che mi sono letta circa 200 pagine in un giorno, senza riuscire a fermarmi.
Volevo che lei ricordasse lui, che lui ricordasse lei, e che le menti malate dietro al Programma se ne andassero a quel paese, insomma. Spero che di questo vedremo il seguito in primavera!
"Reflections" di Kasie West è arrivato in primavera, e non so voi ma io sono stata rapita dalla storia fin da subito. L'idea che Addison potesse "vivere" in proiezione due possibili realtà per poi scegliere la migliore mi ha affascinata, perchè è il classico dono che cela in sè una condanna.
Purtroppo ad oggi il secondo libro non è confermato, ma io penso di leggerlo in lingua originale. Non posso restare senza sapere!
"Shadow" di Sarah Fine è una lettura che risale a Marzo, e che non avevo recensito (ma non le recensivo ancora tutte, in quel periodo), quindi ve ne parlo un po', dopo la trama ufficiale:
Due amiche: Lela, diciassette anni e già un passato tormentato alle spalle, e Nadia che invece sembra avere avuto tutto. Così diverse eppure inseparabili tanto che quando Nadia misteriosamente si toglie la vita, Lela non può lasciarla andare. A costo di rinunciare alla propria anima deve riportare indietro Nadia, imprigionata all'inferno. Decide così di compiere il viaggio più difficile, di abbandonare il mondo terreno e scendere nella città delle tenebre: il regno del terrore e dell'oscurità infestato da creature demoniache e mostruose. Proprio quando il male sembra averla risucchiata, al suo fianco compare Malachi, il capitano delle guardie, sentinella delle anime perse. Una creatura buia come la notte ma dall'animo di fuoco, dalla bellezza penetrante e pericolosa. Capace di emanare sicurezza e incutere timore. Un alleato deciso a difenderla nel viaggio nella notte più profonda. Un guerriero destinato a cambiare il suo destino. Innamorarsi all'inferno è pericoloso...

Primo volume della trilogia "Guards of the Shadowlands", portata in Italia da Mondadori che SPERO tradurrà anche i due seguiti. Mi è piaciuto per tre motivi: la protagonista femminile una volta tanto ha le palle. Detto così, nudo e crudo. E' una combattente, una che non si fa mettere i piedi in testa, e l'ho adorata. Il protagonista maschile, poi, mi è piaciuto perché non si innamora di lei come succede sempre in questi libri, con l'idea di volerla salvare. Lui si innamora di lei perché è lei che vuole salvare qualcuno. In un certo senso è lei il principe azzurro della storia, e mi è piaciuto moltissimo.
E poi l'ambientazione: cupa, angosciante, e allo stesso tempo specchio perfetto della realtà in cui viviamo. Splendido. Ho già scaricato il secondo in inglese perché so che non posso aspettare per vedere come continua.
"Lo straordinario mondo di Ava Lavender" di Leslye Walton è un piccolo gioiello, e non solo per ragazzi, no. In questa favola surreale si respirano le atmosfere tanto cariche a G. G. Marquez e a I. Allende, e sono sicura che questo romanzo intriso di surrealismo magico vi emozionerà quanto ha emozionato me. La piccola Ava, nata con due soffici ali di piume, vi ruberà il cuore.
"Throne of Glass" di Sarah J. Maas o meglio "Il trono di ghiaccio", edito da noi da Mondadori. L'ho letto in lingua perchè ammaliata dalle copertine americane, e ragazzi, che serie! Celaena Sardothien è un'assassina sanguinaria, ma non solo questo, anzi. Lei è molto di più, a cominciare dall'oggetto del'amore di Chaol (che io AMO) e del bistrattato Dorian (che però si consola...): in questa serie, giunta al quarto libro su sei, trovate davvero di tutto, dalle battaglie alla tenerezza, dalla magia agli omicidi, dall'amore all'odio. Imperdibile, soprattutto perchè Mondadori non l'ha inerrotta, confermando per il 2016 la traduzione del terzo volume.
"Il dominio del fuoco" di Sabaa Tahir è un romanzo a metà tra fantasy e distopia, ed è senza dubbio uno di quei libri che ho AMATO nel 2015. Mi ha tenuta con il fiato sospeso in più occasioni, e aspetto con ansia il seguito perchè quel finale mi ha lasciata con il cuore in gola e un "E adesso?!" stampato in faccia. Felicissima che Nord abbia portato questa serie e ancora più felice che lo abbia fatto con un'edizione meravigliosa.
"Wonder" di R.J. Palacio era impossibile non metterlo, suvvia.
Mi ha intenerita ed emozionata moltissimo, e lo consiglio davvero a TUTTI perchè è uno dei rarissimi casi in cui un romanzo è davvero rivolto a un pubblico di ogni sesso ed età.
Lo amerte da bambini, da ragazzi e da adulti: non ho dubbi al riguardo.
Ne hanno discusso moltissimo, e io ne ho parlato più nel dettaglio, ma rigorosamente spoiler-free, qui. Preparatevi a voler adottare questo bambino nel giro di circa tre pagine.

Spero che questa selezione vi aiuti anche a fare l'eventuale regalo libroso dell'ultimo minuto: credeteci o meno, siamo al 22 Dicembre e io devo ancora finire di comprare i regali!
Quest'anno i sono ridotta all'ultimo, no comment...

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

domenica 20 dicembre 2015

"Nei tuoi sogni" di Kristan Higgins

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Nei tuoi sogni" di Kristan Higgins, edito da Harlequin Mondadori/Harper Collins Italia (brossurato a 14,90€):
Manningsport, stato di New York. Quando Emmaline Neal viene invitata al matrimonio del suo ex fidanzato a Malibu, decide che non può assolutamente andarci da sola. Come fare? La soluzione sembra essere quella di farsi accompagnare da Jack Holland - alto, biondo e bellissimo - che non si tira mai indietro quando c'è da aiutare una fanciulla disperata. Jack sa bene come vanno queste cose, dunque non si farà certo idee strane. Da parte sua, lui ha bisogno di una scusa per lasciare la città: da quando ha salvato quattro persone è diventato una sorta di eroe e tutta questa attenzione sta cominciando a infastidirlo; inoltre deve decisamente sfuggire alle grinfie della sua ex moglie che vorrebbe una riappacificazione. Emmaline gli è sempre piaciuta. Ha bisogno di un cavaliere per il weekend? Nessun problema. Non hanno fatto i conti, però, con il vino rosso a disposizione e con una fantastica torta al cioccolato, unici responsabili, secondo Emmaline, del fatto che sono finiti a letto insieme. Si è trattato di una sola notte, che non si ripeterà. Oppure no? Jack vuole di più e se Emmaline decidesse di abbassare la guardia potrebbe ritrovarsi con il cuore spezzato o scoprire che lui è davvero l'uomo dei suoi sogni.

Ringrazio TANTISSIMO Harper Collins Italia per la copia cartacea del romanzo, arrivata a sorpresa, perchè io ancora non conoscevo Kristan Higgins. O meglio, sapevo chi fosse e avevo ovviamente visto più volte i suoi romanzi in libreria, ma non ne avevo mai letto uno.
MALE, perchè questo mi ha catturata fin dall'inizio, e mi ha fatto aggiungere in wishlist i tre volumi precedenti della serie Blue Heron.
Per fortuna è sì una serie, ma composta da romanzi autoconclusivi, e quini me lo sono goduto moltissimo anche da solo.

Ma veniamo a noi, dicendo da subito che Emmaline è la protagonista che aspettavo da un sacco di tempo: aspettavo uan protagonista che potesse sembrare reale, lontana dai soliti clichè della letteratura di genere, e Kristan higgins ne ha creata una che ho adorato fin da subito.
Emmaline si rimpinza di gelato e per questo NON è magrissima (basta ragazze che mangiano che maiali e portano la 38!), grugnisce quando è scocciata, preferisce la birra al vino (e pazienza se è meno chic), gioca a hockey e ha capelli ingestibili che si increspano subito (come me, tra parentesi: ha tutta la mia solidarietà).
E' normalmente bella, perchè lo schianto di famiglia è Angela, la sorella minore adottata dai genitori quando lei aveva già 14 anni.
Emmaline ha avuto un'infanzia difficle perchè vittima di bullismo a causa della balbuzie, e il suo unico conforto è stata la relazione con Kevin.
Kevin che era vittima di bullismo perchè grasso, e la loro storia è proseguita fino a quando, una volta adulti e a poche settimane dalle nozze, lui non l'ha scaricata preferendole un'altra donna.
Con il cuore infranto, Emmaline è tornata a vivere a Manningsport, nella vecchia casa della nonna, ed è solo in occasione del matrimonio di Kevin che capisce di aver bisogno di chiudere del tutto il capitolo.

Per farlo, però, le serve un accompagnatore per il matrimonio (e qui le do ragione: andare al matrimonio del tuo ex da sola è abbastanza deprimente. Anche nel momento in cui non lo rivorresti per te, sembri fuori posto "spaiata".) e la scelta ricade su Jack Holland.
Il bellissimo ed affascinante enologo di Blue Heron, che però ultimamente non se la passa troppo bene.
Ha salvato quattro ragazzi in circostanza eccezionali, diventando l'eroe del giorno nella tranquilla località in cui vive, e lo stress derivato dall'essere costantemente sotto i riflettori e con gli occhi puntati addosso lo sta stremando.
Quella notte ha salvato uattro vite, ma uno dei ragazzi che ha soccorso è in coma, e di fato sta morendo. Jack non riesce a evitare di tormentarsi, pensando che forse agendo diversamente avrebbe potuto fare la differenza, e come se non ne avesse abbastanza, la sua ex moglie ha deciso di volere un'altra possibilità e gli si è letteralmente piantata tra capo e collo di punto in bianco.
A Jack serve una via di fuga, e accetta con entusiasmo la trasferta a Malibu, dalla parte opposta del paese, per accompagnare Emmaline al matrimonio di Kevin.

Se non fosse che quello che nasce come un accordo diventa ben presto qualcosa di più: Jack ed Emmaline si piacciono, e finiscono pr condiidere una notte di fuoco.
Da cui sorge un problema: lasciare tutto così com'è, tornando a una tiepida amicizia, o uscire insieme?
Quello che ho apprezzato di questo romanzo è il fatto che niente viene risolto in due-minuti-due.
Jack ha un problema serio, che si trascina per tutto il romanzo e per il quale è chiaro fin da subito gli serva un aiuto vero. Non viene sminuito nè drammaticizzato, e proprio per questo il suo tormento arriva al lettore come realmente struggente e non fittizio.
Emmaline porta ancora sulla pelle i segni del bullismo di cui è stata vittima da bambina e da ragazzina e della relazione con Kevin, finita malissimo: non si butta tra le braccia di Jack all'istante, e per i due non sarà facile gestire il sentimento crescente che li unisce.
Entrambi dovranno lavorare molto su se stessi, prima di conquistarsi il finale che desiderano.
Da soli, o insieme.

Ma fose soprattutto da soli: Emmaline ha un rapporto a dir poco catastrofico con i genitori, ai quali vorrete tirare una secchiata d'acqua in faccia per più di metà del tempo, e questa è una cosa che gestirà da sola. Jack ha invece un'ex-moglie da incubo, e anche in questo caso secchiate d'acqua ovunque, dalla quale dovrà riuscire a liberarsi per se stesso, prima che per Emmaline. E' questo, secondo me, a rendere speciale il romanzo: il punto non è tanto avere a tutti costi un finale "cuori, unicorni e fuochi d'artificio", quanto dare a ogni personaggio la possibilità di crescere e risolvere i suoi problemi.
Detto questo, ci sono scene tra Emmaline e Jack che fanno battere il cuore più veloce, e persino due adorabili cuccioli che regalano alcuni momenti comici.

Consigliatissimo anche a chi non avesse mai letto nulla dell'autrice, perchè so che chi ha letto gli altri tre romanzi della serie è già corso ad accaparrarselo ;)
Per me è stato uno splendido inizio con quest'autrice, e lo sarà anche per voi.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

Blogmas Day 20: Christmas Nails #2 [Christmas Tree]

Buongiorno a tutte, fanciulle!
La casellina di Blogmas di oggi è dedicata alle mie unghiette del weekend, ovvero questa fantasia di pois multicolore su base verde per la seconda puntata di "Christmas Nails":
All'inizio volevo disegnare un albero di Natale, ma poi ho pensato che vi avevo già proposto la renna come nail-art un po' cartoon. E che magari in ufficio con alberelli e pupazzetti non volete andarci, quindi questa è la mia proposta per portarvi una sorta di alberello sulle mani.

L'anno scorso ho fatto qualcosa di molto simile, un base verde con pois rossi e dorati, e mi piaceva tantissimo.
La prossima proposta sarà più elaborata di così, ma non troppo, e arriverà sul blog il 23/12.

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

ps. Miracolosamente, quasi tutti i regali di Blogmas sono giunti a destinazione!
Tenete duro, che per le Poste Italiane è un mese critico, e piano piano arriverà tutto!
Grazie a chi mi ha subito segnalato la ricezione del pacco <3

sabato 19 dicembre 2015

Blogmas Day 19: "Tempesta di neve e profumo di mandorle" di Camilla Lackberg

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La casellina di Blogmas di oggi è una lettura sotto l'albero, dedicata a "Tempesta di neve e profumo di mandorle" di Camilla Lackberg, edito da Marsilio (rilegato a 16€):
Manca poco meno di una settimana a Natale. Adagiata contro le rocce grigie, con le sue casette di legno ammantate di neve, Fjallbacka regala uno spettacolo particolarmente suggestivo, un paesino fiabesco affacciato sul mare di ghiaccio. Martin Molin, collega di Patrik Hedstrom alla stazione di polizia di Tanumshede, ha raggiunto la fidanzata Lisette sulla vicina isola di Valo per una festa di famiglia. Mentre il vento infuria, durante la cena il vecchio patriarca dall'immensa fortuna muore improvvisamente. Nell'aria si avverte un vago aroma di mandorle amare, e a Martin Molin non resta che cercare di far luce su quella morte misteriosa. Intanto, la violenta tempesta che agita le acque gelide dell'arcipelago non accenna a placarsi, e ogni contatto con la terraferma è interrotto. 

Non è una raccolta di racconti prettamente natalizi, anzi.
Ma per gli amanti della serie di indagini di Erika Falck questo volumetto rilegato è stato uno splendido regalo di Natale in anticipo. Curiosamente, la trama all'interno del volume è quella della novella principale: di fatto ci sono altre quattro storie ad accompagnarla, quindi non fatevi trarre in inganno ;)

Le cinque novelle che trovate in questa raccolta completano la serie, mostrandoci ad esempio Patrick Hedstrom prima di "La principessa di ghiaccio", ancora sposato con la prima moglie, o Martin Molin ai suoi inizi in polizia, alle prese con un'indagine tutta sua dagli esiti sconvolgenti.
Erika fa la sua apparizione nel ruolo che le viene meglio: mangiatrice di ciambelle e ficcanaso oltre ogni limite (ma d'altronde è questo a renderla umana ed accattivante).
Stavolta niente legno chiaro e cappuccino artistico,  mi dispiace!
Vi beccate il FrecciaRossa che mi portava a Roma <3
Camilla Lackberg supera brillantemente quella che credo sia la prova più difficile: il racconto.
Pensateci: costruire un storia che funzioni, ben sviluppata, che porti da qualche parte e con personaggi ben delineati è molto più facile quando di pagine a disposizione ne avete trecento.
Fatelo in dieci.
Camilla Lackberg ci riesce, e io ho apprezzato ogni singolo racconto racchiuso in questo volumetto.
Che non vi racconto, perchè alcuni sono troppo brevi perchè lo si possa fare senza spoiler.

Posso dire qualcosa dell'ultimo, però, che è poi LA novella del volume.
Quella più corposa, in cui ritroviamo un'atmosfera decisamente alla Agatha Christie, con tutti i possibili assassini chiusi nella stessa casa e il povero Martin Molin che cerca di capirci qualcosa.
Ho apprezzato tantissimo questo racconto, e il personaggio di Martin si è confermato come uno dei miei preferiti della serie.
Mantiene il suo aplomb anche trattando con la famiglia più allucinante di sempre, dove tra matrone dai nervi deboli che ricordano l'austeniana signora Bennet e ragazzetti viziati e inconcludenti sembra che non si salvi nessuno. O forse qualcuno sì?

Fjällbacka è (quasi) sempre al centro, ovviamente: cadaveri e misteri in ogni dove, e a questo punto se mai la visiterò farò mille scongiuri prima, oltre ad aspettarmi di fare overdose di ciambelle.
Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

venerdì 18 dicembre 2015

"Una ragione per vivere" di Rebecca Donovan

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Una ragione per vivere" di Rebecca Donovan, edito da Newton Compton (rilegato a 9,90€, ma esiste un volume bind-up dell'intera trilogia a 8,90€):
Emma Thomas ha scelto di fuggire. È scappata via da Weslyn lasciandosi alle spalle gli incubi del passato. Ha chiuso a chiave il suo cuore e ha deciso che non permetterà a nessuno di raggiungerla, di riempire il vuoto che sente dentro. Ora è all’università in California, ha stretto nuove amicizie e ha un nuovo ragazzo. Con Evan, il suo grande amore di una volta, è tutto finito: Emma sa che gli ha fatto troppo male e che è troppo tardi per tornare indietro. Ma Evan non ha dimenticato la ragazza che gli ha spezzato il cuore. La sta ancora aspettando, e quando arriva l’estate nulla potrà più opporsi al loro destino…

Ricordate la mia recensione del volume precedente?
Io sì: non era positiva.
Ma stavolta si cambia registro, perché con questo terzo e ultimo volume della trilogia "Il nostro segreto universo", Rebecca Donovan mi ha restituito tutto ciò che avevo amato del primo volume.

Emma in questo libro è completamente allo sbando, e scusate la franchezza ma a me è sorto spontaneo un "E sarebbe anche ora".
A questa ragazza è successo di tutto, e sostanzialmente ormai era solo questione di tempo prima che i suoi nervi cedessero.
Il libro ce la mostra dopo parecchi mesi: vive in un altro Stato, ha nuove amicizie, ed è in crisi.
La sua reazione ai ripetuti traumi è stata quella di scivolare nell'apatia, e questo la porta a comportarsi in modo spericolato, ad abbandonare le sue inibizioni anche quando, forse, qualcuna sarebbe meglio tenersela, e a imbarcarsi in una relazione senza futuro con un ragazzo che, seppur sbagliato, è comunque in grado di darle ciò di cui ha bisogno (almeno questo).
Cole è divertente, attento, passionale: le insegna a fare surf, la stringe mentre dorme e le permette di scaricare nel sesso tutta la tensione accumulata.
Non è però il "suo" ragazzo, perché quello... Quello è sempre Evan.

Evan che, nel mentre, ha passato un periodo buio, denso di rabbia  e di tristezza, e che ora vorrebbe solo una cosa: una chiusura.
Non ha compreso come Emma possa averlo lasciato lì, a terra e ferito, per poi sparire nel nulla, ma la ama abbastanza da volere ancora un confronto.
Non appena scopre in che stato sia ridotta la ragazza, è un attimo: il suo istinto naturale è e sarà sempre quello di proteggere Emma, che lei lo voglia o no.
Complici gli amici, il mare e la spiaggia, il ragazzo le proverà davvero tutte per aiutarla ad aprirsi e a lasciarlo entrare.
Sempre che non sia troppo tardi...
Sempre lui, il mio volume bind-up: queste raccolte sono una bellissima idea!
Ecco, io ho adorato questo libro. Dall'inizio alla fine. 
Rebecca Donovan ha saputo trasmettere, attraverso il personaggio di Emma, un senso di dolore e di struggimento che ho trovato in ben pochi romanzi prima, e allo stesso tempo ha creato uno sfondo vacanziero e festaiolo non privo di scene esilaranti.
Questo perché nessuno vive in bianco e nero: esistono le zone grigie, e sono quelle in cui anche una persona nello stato di Emma riesce a sorridere e a distrarsi. 
Torna Sara, la sua formidabile migliore amica, e tornano le ombre di Rachel e Jonathan. Emma ha bisogno di lasciarsi il passato alle spalle per concedersi di sognare un futuro, ed è solo chiudendo i conti con queste due figure che potrà farlo.
Solo, deve capire come chiudere la partita alle sue condizioni.

Evan resta uno dei Fidanzati di Carta dell'anno, perché perseveranza è il suo secondo nome e perché nessuno può e potrà mai amare Emma quanto lui.
E' divertente, intelligente e buono come il pane: esattamente ciò di cui ha bisogno Emma.
E' disposto a perdonarle tutto, anzi: sente che non ci sia nemmeno qualcosa da perdonare. Tutto ciò che chiede alla ragazza è di amarlo e lasciarsi amare da lui. Punto.
E ditemi cos'altro vi serve.

Sebbene non mi sia piaciuto granché il secondo volume, il primo e il terzo li ho apprezzati davvero molto e quindi questa trilogia è promossa  tutti gli effetti.
Ho fatto bene a seguire il consiglio di Virginia ;)

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

Blogmas Day 18: Capelli splendenti per Natale, con Creattiva Professional

Buongiorno a  tutte, fanciulle!
La casellina di oggi di Blogmas è dedicata ai capelli,  perchè si avvicinano le feste e mica vorrete essere impreparate!
Ho avuto modo di provare, nel corso del tempo, diversi prodotti Creattiva Professional, e ogni volta mi sono trovata molto bene.
Quindi, quando mi è stato offerto di provarne due pensati apposta per questo periodo dell'anno, ho colto la palla al balzo!
Oggi vi parlo di uno spray illuminante, "Crystal Spray Gas", ad azione lucidante, idratante e protettiva.

Per una sferzata di luce sulla chioma, basta vaporizzarlo sulle lunghezze asciutte da una distanza di circa 30cm:
Se invece volete ottenere di più, per un vero effetto specchio, spruzzatelo sulle singole ciocche da 20/25cm di distanza prima di passare la piastra.
Io non uso la piastra, quindi ho scelto il primo metodo, trovandomi benissimo.
Non appiccica, non sporca, non appesantisce: i capelli sono morbidi e sembrano freschi di parrucchiere, anche quando sono solo freschi di piumone.
Adoro l'effetto finale, soprattutto quando il sole decide di uscire:
Il sole mi fa uscire il rosso, lo so: ma guardate che luce!!!
In questi giorni di festa direi che ci vuole!
Per darvi la possibilità di provarlo, Creattiva Professional offre a tutte voi un codice speciale da utilizzare su www.creattivaprofessional.com: inserendo APPGIFT nell'apposito box al momento dell'ordine, riceverete infatti in omaggio proprio un flacone di "Crystal Spray Gas" del valore di 12,50€. Vale su acquisti di qualsiasi importo che contengano un prodotto della linea Creattiva Professional, fino al 06/01/2016 .
Ora non avete più scuse per i capelli spenti ;)

Un bacio a  tutte, fanciulle!
A presto <3

giovedì 17 dicembre 2015

Anteprima: "Armadale" di Wilkie Collins

Buon pomeriggio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Oggi pomeriggio voglio segnalarvi quest'uscita di Gennaio, per me interessantissima.
Fazi Editore riporta in libreria "Armadale" di Wilkie Collins (brossurato a 18,50€) in una nuova, splendida edizione, disponibile dal 21 Gennaio 2016:
Quando l’anziano Allan Armadale fa una confessione terribile in punto di morte, non immagina nemmeno lontanamente le ripercussioni che ne seguiranno: il segreto che rivela coinvolge la misteriosa Lydia Gwilt, tentatrice dai capelli rosso fuoco, bigama, dipendente dal laudano e avvelenatrice di mariti. I suoi maliziosi intrighi carburano la trama di questo dramma appassionante: una storia di identità confuse, maledizioni ereditate, rivalità amorose, spionaggio, denaro... e assassinio. Il personaggio di Lydia Gwilt orripilò i critici dell’epoca, al punto che un recensore la descrisse come «una delle donne maligne più recidive di sempre, i cui espedienti e le cui brame hanno infangato la narrativa». Un romanzo innovativo, con una protagonista incredibilmente maligna che resta
fra le più enigmatiche e affascinanti donne del diciannovesimo secolo, e il cuore nero di questo sensazionale romanzo vittoriano.

Della stessa autrice ho avuto modo di apprezzare "La donna in bianco", ma questo mi manca e vorrò assolutamente leggerlo! Soprattutto perchè nel 2016 vorrei dedicare almeno una lettura al mese a un classico, andando a cercare quelli che ancora mancano all'appello.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

Blogmas Day 17: TOP 10 Libri del 2015 (Adult Edition)

Buon pomeriggio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La casellina di Blogmas di oggi è dedicata ai miei 10 cartacei preferiti dell'anno, rivolti a un pubblico adulto.
Arriveranno anche i 10 libri per ragazzi preferiti, perchè credo tantissimo nel "a Natale #RegalaUnLibro" e ho sempre adorato trovare nuove storie sotto l'albero, fin da bambina.
Ma oggi parliamo dei libri che potreste regalare ad amici, genitori, parenti assortiti.
Ho pescato tra le mie letture dell'anno, ed eccoli qui, con i link alle varie recensioni per tutte le info del caso.
Non è una classifica, e sono in ordine casuale: sono i dieci libri che regalerei senza esitazione ;)
"Wool" di Hugh Howey è il romanzo d'apertura della Trilogia del Silo: letto a Novembre e divorato in  un giorno e poco più, impossibile da non menzionare perchè credo di poter definire questo libro uno dei migliori romanzi distopici mai letti. Non vedo l'ora di leggere "Shift", il volume seguente!
"La misura della felicità" di Gabrielle Zevin è il libro che ogni amante dei libri dovrebbe leggere, ma non solo. Una storia d'amore, di famiglia e di amicizia, oltre che di passione sfrenata per la carta stampata e per la magia custodita tra le pagne di ogni volume.
Mi ha emozionata, divertita, e persino commossa: imperdibile.
"Via dalla pazza folla" di Thomas Hardy è stato il classico dell'anno, perchè tra quelli recuperati è stato il mio preferito. Una protagonista a tratti insopportabile e un innamorato che definire perseverante è dire poco, e una prosa magistrale che mi ha conquistata subito. Dello stesso autore avevo amato anche "Jude l'oscuro", che vi consiglio al pari di questo.
"Il contrario della solitudine" di Marina Keegan è il magnifico regalo lasciatoci da quella che, ne sono sicura, sarebbe potuta essere una scrittrice brillante ed intrigante. Nei suoi racconti è riuscita a raccontare universi interi, nelle sue poesie riecheggia una voce sincera, e nelle sue riflessioni personali si coglie quella che era l'essenza di una ragazza già donna, con qualcosa d'intelligente da dire. Se mai dovessi desiderare di saper scrivere, vorrei saperlo fare così.
"Come diventare una ragazza" di Caitlin Moran, invece, è un romanzo che colloco a metà tra una lettura per adulti e un romanzo per giovani adulti. Questo perchè la protagonista è una ragazza, in grado di trasmettere al lettore ogni turbamento ed emozione caratteristici  di quell'età,  la sua voce è pronta a conquistare tutti. Ne ho amato le situazioni paradossali ma allo stesso tempo intrise di realismo, oltre all'ironia che ha reso famosa l'autrice.
"La strada stretta verso il profondo Nord" di Richard Flanagan è forse il romanzo migliore che ho letto nel 2015, attenzione! Non è un romanzo facile: si parla di guerra, di campi di prigionia giapponesi, di morte e di sofferenza. Ma anche di amori infelici, di passione: Flanagan è un romanziere d'incredibile talento, in grado di tenere anche la sottoscritta inchiodata alle pagine di un libro che, sulla carta, era tutto fuorchè adatto a lei. Regalatelo a padri, zii, nonni: è semplicemente strepitoso.
"Sei il mio sole anche di notte" di Amy Harmon, e questo per dire che sono decisamente una lettrice onnivora. Questo è uno dei romanzi d'amore più belli che abbia mai letto in assoluto, e ad oggi non conosco nessuno che l'abbia letto e non se ne sia innamorato perdutamente.
Forse perchè Amy Harmon stravolge la struttura tipica del romanzo rosa, inserendo al suo interno uno dei personaggi migliori di sempre: Bailey. Che non è l'eroe romantico della storia, anzi.
Ma vi prenderà il cuore e lo stomaco, dando loro una vigorosa strizzata.
Preparate i fazzoletti, perchè è impossibile concludere la lettura ad occhi asciutti.
"La sconosciuta" di Mary Kubica mi ha tenuta sveglia per un'intera notte: in questo thriller psicologico nessuno è come sembra, e se i personaggi apparentemente ambigui si rivelano poi i meno preoccupanti, chi all'inizio suscita compassione e rispetto diventa ben presto terrificante.
Due gli interrogativi che vi accompagneranno nella lettura: quanto conosci davvero chi ti sta accanto? E soprattutto, riusciresti ad aiutare una sconosciuta?
"Uomo nel buio" di Paul Auster è l'unico libro di cui non è presente una recensione sul blog, e quindi vi riporto la trama completa:
August Brill ha 72 anni, ora vive nel Vermont a casa della figlia per rimettersi da un grave incidente d'auto. Nelle notti d'insonnia tiene occupata la mente immaginando storie che lo conducano lontano dalla sua vita, da ciò che vorrebbe dimenticare: la recente morte della moglie e l'orribile assassinio in Iraq del fidanzato della nipote che laggiù lavorava in un impresa di costruzioni. Sdraiato nel buio, immagina un'America dilaniata dalla guerra civile scoppiata nel 2000 durante la prima contestatissima elezione di Bush; un'America parallella nella quale non è avvenuto l'attentato dell'11 settembre. Mentre il destino del protagonista della storia fantapolitica diventa sempre più incerto, la nipote, anch'essa insonne, raggiunge il nonno e August capisce che non può più sfuggire ai racconti veri, alle vicende della sua vita.
Mi è piaciuto moltissimo per tre motivi: la struttura a scatola cinese, con una storia incastonata nell'altra, che mi ha reso impossibile abbandonare la lettura prima di aver finito il romanzo; la prosa strepitosa di Paul Auster, che personalmente adoro e di cui sto piano piano leggendo ogni singolo libro; l'emozione che quest'uomo ormai anziano, e con una storia famigliare alquanto problematica, riesce a trasmettere al lettore fin dalle prime pagine. L'amore e la nostalgia per la moglie, morta da tempo; la preoccupazione per la nipote, che non riesce a superare il lutto per la morte dell'ex-fidanzato; la paura del futuro. E' un romanzo breve ma che contiene tutto, e se avete amato la sua "Trilogia di New York" non potete proprio farvelo sfuggire.
"La gemella silenziosa" di S.K. Tremayne è l'ultimo libro, ma non il meno avvincente.
Un thriller psicologico (stavolta però scritto da un uomo) che consiglio a ogni tipo di lettore, perchè tutto parte da una domanda vecchia come il mondo: quanto una madre può davvero conoscere i suoi figli? La madre protagonista di questa storia lo scoprirà, pagando un prezzo carissimo.
un crescendo di tensione e un finale in parte inaspettato l'hanno resa una lettura entsiasmante, e spero davvero di poter leggere altro di quest'autore.

Il 2015 è stato un bellissimo anno, per quanto riguarda la lettura: o scoperto nuovi autori e nuovi generi, ho letto le conclusioni di diverse serie che adoro, e soprattutto mi ha asciato caric e pronta ad accogliere tutte le novità del prossimo anno!

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3