martedì 21 marzo 2017

"L'universo nei tuoi occhi" di Jennifer Niven

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "L'universo nei tuoi occhi" di Jennifer Niven, edito De Agostini (rilegato a 14,90€):
Affascinante. Divertente. Distaccato. Ecco le tre parole d’ordine di Jack Masselin, diciassette anni e un segreto ben custodito: Jack non riesce a riconoscere il volto delle persone. Nemmeno quello dei suoi genitori, o quello dei suoi fratelli. Per questo si è dovuto impegnare molto per diventare Mister Popolarità. Si è esercitato per anni nell’impossibile arte di conoscere tutti senza conoscere davvero nessuno, di farsi amare senza amare a propria volta. E finora è riuscito a cavarsela. Ma le cose prendono una piega inaspettata quando Jack vede per la prima volta Libby. Libby che non è come le altre ragazze. Libby che porta addosso tutto il peso dell’universo: un passato difficile e tanti, troppi chili per poter essere accettata dai suoi compagni di scuola. Un giorno, per non sfigurare davanti agli amici, Jack prende di mira Libby in un gioco crudele, che spedisce entrambi in presidenza. Libby però non è il tipo che si lascia umiliare, e il suo incontro con Jack diventa presto uno scontro. Al mondo non esistono due caratteri più diversi dei loro. Eppure… più Jack e Libby si conoscono, meno si sentono soli. Perché ci sono persone che hanno il potere di cambiare tutto. Anche una vita intera.

Non si poteva non leggere il nuovo romanzo dell'autrice che ha commosso il mondo con "Raccontami di un giorno perfetto". Non si poteva proprio! E quindi eccoci qui, con Jack e Libby, e la loro storia.

Stavolta non abbiamo più un ragazzo affetto da depressione, ma uno che si è autodiagnosticato la prosopagnosia - un deficit percettivo acquisito o congenito del sistema nervoso centrale che impedisce ai soggetti che ne vengono colpiti di riconoscere i tratti di insieme dei volti delle persone.
In concreto, Jack non riconosce il volto di nessuno: nemmeno della sua famiglia, od ei suoi amici, o dei professori,
Ha messo a punto tutta una serie di trucchetti per destreggiarsi e riuscire ad avere una vita normale senza hce nessuno si accorga del suo problema, che non è stato di fatto diagnosticato da nessuno se non da lui stesso, e qui, mi duole dirlo, ma ho avuto problemi serie  afarmela andare giù.
È vero che nell'erà di Wikipedia e Google quello dell'autodiagnosi è un trend inarrestabile, ma che venga proposta come scelta naturale ai lettori che, per la loro età, sono più influenzabili no, non mi va proprio.
Jack è simpatico, è sicuramente forte di carattere per essere in grado di gestire una situazione simile giorno dopo giorno senza aiuti - nonostante i vari momenti di giustificato scoramento - ma anche stavolta l'autrice non mi ha convinta per la leggerezza con cui presenta i disturbi o i problemi legati al sistema nervoso. Si entra in un territorio minato, e il punto non dovrebbe essere quello di colorare la malattia di romanticismo. Non quando parli agli adolescenti ai preadolescenti.

Detto questo, che è il mio unico dubbio riguardo al romanzo, passiamo a quello che per me è stato un grande, grandissimo SÍ: Libby!
Libby è una forza, e mi è piaciuta proprio tanto. #PiùLibbyPerTutti
Una ragazza che ha un passato decisamente non roseo, un presente complicato e che nonostante quetso ha ancora moltissimo posto nel suo cuore per l'amore.
Quello che sogna, ma anche quello che sa dare.
Molto bello anche il suo rapporto con i suoi sogni: desidera ballare, e nonostante sia tutto contro di lei - il suo peso, le prese in giro, l'insicurezza dell'età - Libby non si arrende ancora prima di averci provato e, soprattutto, non smette di ballare.
La loro storia non nasce sotto ai migliori auspici, anzi, sembrava la ricetta per un disastro.
Eppure l'autrice è stata brava a coinvolgere il lettore, attraverso il doppio punto di vista di lui e di lei, nel processo di avvicinamento: io non vedevo l'ora di sapere se avrebbero avuto un happy end tutto cuori o no.
Un enorme punto a favore anche alla componente ironico-umoristica del romanzo: si ride tanto,  perchè Jack e Libby hanno entrambi una personalità dirompente.

Stavolta Jennifer Niven ha voluto parlare di bullismo, e lo ha fatto nel modo giusto.
Libby riesce ad arrivare al cuore di ogni lettore, e a dargli una bella strizzata, senza essere una vittima. Libby è tosta-tostissima, e non si lascia mettere i piedi in testa facilmente.
Non da quattro studentelli senza sale in zucca che credono di annientarla con qualche presa in giro.
Assolutamente da leggere se avete amato "Raccontami di un giorno perfetto", e forse anche se non vi aveva convinti granchè: io per alcuni versi ho preferito questo secondo lavoro dell'autrice al suo primo!
Questa recensione fa parte del blogtour del romanzo, che dal 20 al 26 Marzo vi farà compagnia con contenuti di ogni tipo - e tanta, tanta musica - per farvi esplorare insieme a noi questa storia dolce, divertente e che tutti, ma proprio tutti, dovrebbero leggere.
Uno di voi potrebbe culminare la sua esplorazione adottando una copia cartacea del romanzo, pensate un po'!
Tutto ciò che dovete fare è commentare ogni tappa, e seguire gli account Instagram dei blog coinvolti nell'iniziativa:

@devystylish
@deaplanetalibri
@iamlewisherald
@red_kedi
@lanzonivanessa
@wordsofbooks
@everybookhasitsstory
@silvyinwonderland

Come fare a non perdervene nemmeno uno?
Semplice! Compilate il modulo qui sotto e seguite il nostro calendario:
a Rafflecopter giveaway
Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

15 commenti :

  1. Mi ispira tantissimo, se solo riuscissi a metterlo in lista a breve, ma ci proverò! Mi piace la tua recensione, mette in luce anche i difetti e so meglio cosa aspettarmi :) Baci

    RispondiElimina
  2. Devo ancora leggere "Raccontami di un giorno perfetto".. è nel mio kindle in attesa, ma ho altissime aspettative per questa autrice!

    RispondiElimina
  3. Mi piace tantissimo *_* Giuro solennemente che recupererò al più presto "Raccontami di un giorno perfetto" *_*

    RispondiElimina
  4. Bellissima recensione,questo libro mi piace sempre più. Sono d'accordo con te,secondo me non dovrebbero essere affrontati con leggerezza argomenti come le malattie in libri che si rivolgono appunto ad adolescenti. Comunque ogni libro ha i suoi pro e i suoi contro e sei stata molto obiettiva.

    RispondiElimina
  5. Mi sono innamorata ♡
    Devo avere questo romanzo!
    Sono d'accordo con te sulla critica iniziale, trovo che sia pericoloso far passare questo messaggio di un disturbo autodiagnosticato.
    In un periodo come questo in cui persino curarsi e comprare medicine è reso complicato per molte persone a causa della crisi economica, trovo che sia davvero sconveniente e può creare un precedente!
    Per il resto adoro già Libby!
    Per una ragazza perennemente in lotta con la bilancia come me (praticamente ingrasso respirando) finalmente trovare una protagonista con le stesse caratteristiche è un vero toccasana!

    Partecipo al blogtour e al Giveaway ;-)
    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    Mail: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Instagram: @ross_3193
    Facebook: Rosy Palazzo
    Ho compilato tutto il form ;-)

    Grazie mille per l'opportunità ♡

    RispondiElimina
  6. Se mi dici che questo secondo libro ti è piaciuto a tratti più del precedente che già aveva riscosso moltissimo successo (ma che non ho ancora letto!) mi tocca proprio leggerlo! E poi finalmente una protagonista che anche se giovane ha una forza incredibile e soprattutto è normale! Con un po' di chili di troppo e con le problematiche molto attuali che devono affrontare gli adolescenti!
    Partecipo al blogtour!
    Email nicolettamarasca88@gmail.com
    Instagram @nicolettamarasca
    Lettore fisso e fb Nicoletta Marasca
    Grazie!

    RispondiElimina
  7. Bellissima recensione! Mi è piaciuto proprio tanto questo libro ma in effetti avevo tralasciato l'autodiagnosi. Hai perfettamente ragione su Jack e credo che nel libro questo comportamento sia "giustificato" dalla situazione famigliare e da quella paura di sembrare diverso dagli altri. Ovviamente è giusto far presente che bisogna sempre ricorrere ad un medico in questi casi e mai all'autodiagnosi (anche perché diciamocelo, se cerchi influenza su internet, come minimo ti dice che potrebbe essere sintomo di morte precoce XD)però il libro l'ho davvero amato. Ho trovato Libby eccezionale e secondo me è un'ottima lettura da consigliare agli adolescenti.
    Bella recensione!

    RispondiElimina
  8. Che stupenda recensione!!! Io poi adoro per principio ogni cosa che esce dalla penna della Niven *-*

    RispondiElimina
  9. #PiùLibbyPerTutti
    Mi piaceeee! Lo voglio, lo voglio *_* la tua recensione mo piace un sacco ed è una conferma!

    RispondiElimina
  10. #PiùLibbyPerTutti
    Mi piaceeee! Lo voglio, lo voglio *_* la tua recensione mo piace un sacco ed è una conferma!

    RispondiElimina
  11. spero di leggerlo presto mi ispira tantissimo!

    RispondiElimina
  12. ciao, partecipo molto volentieri e incrocio le dita! Credo proprio che sarebbe una piacevolissima lettura! *__*
    nome instagrma: venera.lowe
    venera.lowe@gmail.com

    RispondiElimina
  13. Bellissima recensione :)
    Mi trovo d'accordo con te su tutto...
    Io devo ammettere che non ho ancora letto nulla di quest'autrice, ma ho il lista " Raccontami di un giorno perfetto "
    Questo libro sembra proprio che meriti di essere letto!!
    Trama molto bella e interessante... oltre che importante :)
    Devo leggerlo assolutamente :)
    Partecipo al BlogTour e al Giveaway
    Di seguito ti elenco le regole che ho rispettato.
    Seguo tutti i blog partecipanti al BlogTour con il nome: Elysa Pellino
    La mia email: mora_1993_@hotmail.it
    Seguo il profilo Instagram " deaplanetalibri " + tutti i profili Instagram dei blog partecipanti al BlogTour con il nickname: e.l.i.s.a.93
    Ho condiviso questa tappa su Facebook taggando la pagina del blog " Devilishly Stylish "
    LINK CONDIVISIONE: https://www.facebook.com/elysa.pellino/posts/10209583183590195?pnref=story
    ( Vado a leggere le altre recensioni ) :)
    - Ho completato il form in tutti i suoi campi
    Grazie per l'opportunità :)
    Buona Fortuna a Tutti ♡

    RispondiElimina
  14. Addirittura meglio di Raccontami di un giorno perfetto? Oddio per me quello è stato un capolavoro, mi ha regalato così tante emozioni che non credo si possano fare paragoni XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Email: scottodicarloanna@hotmail.it
      IG: anna.13.scotto

      Elimina